Ludwig

Heart speaks to heart


5 commenti

Da Zafferia a Roma (e ritorno)

Cari amci,
rieccomi per condividere con voi le ultime esperienze che continuano a portarmi in giro per il "mondo".
 
La prima, la + lunga, + stancante e bella è stata  quella vissuta a Zafferia (Me) in un campo-lavoro: si trattava di iniziare a rimettere a nuovo una vecchia casa che sarà utilizzata come Oratorio parrocchiale. Veramente tanto lavoro (specialmente i primi 2 giorni) da fare: sgomberare stanze da immondizia risalente pure alla II Guerra Mondiale (!!!), abbattere muri, riportare a nuovo mobili, panche… Insomma, di tutto di +!!!
Facendo pulizie pensavamo agli inizi dell’Oratorio di Don Bosco…
Ma la cosa + bella, indubbiamente, è stata l’accoglienza che ci hanno riservato le famiglie del posto con le quali abbiamo condiviso i pranzi: ne abbiamo viste di tutti i tipi (e di tutti i gusti), ma il calore e l’entusiasmo erano veramente tanti.
Così come il contatto con i ragazzi della parrocchia (ke all’inizio ci chiedevamo dove foseero…) con i quali abbiamo subito stretto legami di simpatia ed amicizia. Questo + o – in breve quello che è successo in una settimana (dal 3 al 9).
 
Dopo di che partenza per Genzano di Roma (da dove sto scrivendo) per prendere contatto con la nuova comunità che mi ospiterà da settembre e definire il ruolo e i compiti che mi aspetteranno. Pure qui l’accoglienza è stata bella da parte di tutti e, come sempre, mi sono sentito a casa mia.
La cosa + simpatica è stata oggi partecipare all’Angelus a Castel Gandolfo e vedere il nostro Papa in piena forma, sorridente e sereno: quanti ragazzi e quante persone da tutto il mondo stretti intorno al successore di Pietro. Ma specialmente quanto affetto per lui…
 
Stasera riparto per la Sicilia e mi godo 5 giorni di riposo prima di riprendere le ultime attività nella mia amata isola: dopo si ritorna a Roma per 3 anni (e comu finisci, si cunta…).
 
Buon resto dell’estate a tutti e a presto.
 
 
Annunci