Ludwig

Heart speaks to heart


2 commenti

Buon anno!

Anno: periodo fatto di 365 delusioni.

Ambrose Bierce

Di sicuro i social network amplificano umori e malumori, ma proprio questo fine anno sembra declinarsi alla voce pessimismo, con una spruzzata di emodepressione ineluttabile.

Sembra di muoversi sospesi tra illusioni passate mai realizzate ed aspettative future di auguri e desideri degni delle migliori favole a lieto fine.

Il rischio, per farla breve, è di trovare qualcuno (o forse più di uno) che prenda sul serio la citazione sarcastica di Bierce.

Tutte le recriminazioni sull’anno che si sta chiudendo sembrano avere a che fare con una emotività superficiale, senza nulla togliere alle fatiche del vivere quotidiano, ma tant’è: la vita è un continuo “back to black“.

Rimane di fatto una vita che continua con prepotenza ad imporsi prima di ogni ragionamento più o meno profondo: una vita da affrontare nella sua concretezza e nelle sue esigenze, per quello che è e non per quello che dovrebbe – secondo quale dio, non so – essere.

È partendo da qui che riesco a non abdicare ai miei sogni e alle mie speranze, felice di quest’anno che si sta chiudendo ed inquieto per quel pizzico di curiosità per quello che mi aspetta.

Anno: periodo fatto di 365 scoperte.


Lascia un commento

Due generazioni a confronto

Winter cityside
Crystal bits of snowflakes
all around my head and in the wind

I had no ilusions
That I’d ever find a glimps of summer’s heatwaves in your eyes
You did what you did to me , now it’s story I see
Here’s my comeback on the road again
Things will happen while they can
I will wait here for my man tonight,
it’s easy when you’re big in Japan

You’re big in Japan,
you’re big in Japan,
you’re big in Japan, inside.
You’re big in Japan, and
then i’ll sleep by your side and through the night,
Big in Japan, it’s easy…

Neon on naked skin
Passing silhouettes of strange iluminated mannequins
Shall I stay here at the zoo
Or shall I go and cahange my point of view for other ugly scenes
You did what you did to me, now it’s history I see…
Things will happen while they can
I will wait here my man tonight, it’s easy when you’re big in Japan

I’ll be, you see the way
too late, too late…
You’re big in Japan,
you’re big in Japan,
you’re big in Japan, inside.
You’re big in Japan, and
then i’ll sleep by your side and through the night,
Big in Japan, it’s easy at night.
You’re big in Japan, you’re big in Japan, you’re big in Japan, inside…
…you’re big in Japan…


2 commenti

A casa!

Ascoltare significa accettare di fare spazio in se stessi fino ad essere dimora dell’altro.

Onestamente non mi ricordo chi abbia scritto questa frase, ma è molto veritiera perché tocca il cuore di una parola a volte svuotata del suo significato: amicizia.

Col passare del tempo mi sono reso conto che le amicizie, quelle vere, che hanno resistito agli anni e alle intemperie, hanno un comune denominatore: l’ascolto autentico. E’ un donarsi ed un accettarsi reciprocamente così per come si è, con le proprie vittorie e le proprie sconfitte, senza paure di giudizi, ma solo con la voglia ed il desiderio di poter essere in una comunione profonda.

Al di là, spesso, dei chilometri che ci separano e dei silenzi dettati da varie circostanze.

L’esperienza più bella che vivo è quella dell’essere a casa mia, in uno spazio mio dove so di potermi rifugiare nei momenti  di difficoltà o a volte di solitudine, non tanto per fuggire a determinate situazioni, ma più che altro per poter ritrovare me stesso. Perché è nell’amore incondizionato nei miei confronti che recupero i frammenti della mia identità, del senso della mia esistenza, del filo rosso che collega gli avvenimenti della mia vita.

E per quel poco che sono e che posso, provo a fare altrettanto con chi mi circonda.

 Da questo punto di vista riesco ad intuire un po’ di più il senso di questo Avvento e di come Maria sia stata in grado di essere, fuor di metafora, dimora dell’Altro.

Un grazie sconfinato a Lalli per la foto!