Ludwig

Heart speaks to heart


Lascia un commento >

Non so perché, ma ripensavo a questo titolo di Tiziano Sclavi e al film che ne seguì nei primi anni novanta.

E mi ha fatto pensare ad un paio di cose.

A quanto scriveva Freud riguardo al contenuto essenziale della vita: tra Eros e Morte è una continua guerra, una “battaglia di giganti”, e mentre l’amore umano ci fa intravedere un superamento della morte, è esclusivamente quest’ultima che vincerà l’ultima battaglia, chiudendo in maniera definitiva tutte le vicende umane.

Dall’altra a quanto devo ringraziare Dio di essere cristiano, perché il vero annuncio del Vangelo, la vera, unica, buona notizia è che la Risurrezione di Cristo è il ribaltamento totale e definitivo di quanto Freud – e prima di lui la mitologia – affermava.

Certo, l’Amore che Dio ha riversato nei nostri cuori non è esente a lotte, tribolazioni, abbagli e sconfitte, ma sono proprio queste che indicano che la strada che sto percorrendo è quella giusta, ricordandomi che:

Non è l’umiliazione che devi temere, ma la tua poca fede.

Non è il peccato, ma la tua scarsa volontà di lottare.

Non la tua miseria, ma la tua voce spenta, il tuo non gridare all’Altissimo.

(Pier Giordano Cabra, Con tutto il cuore, 46)

E come tutti i doni che Dio mi fa, lo stesso dono ricerca incessantemente il Donante, riorientandomi a Lui e ai suoi figli, sempre se decido di accettarlo e di lasciarmi coinvolgere attivamente da questo dono.

E se è vero che l’Amore domanda amore, è pure vero che il dono esige dono e la fiducia esige fiducia.

Detto in altro modo: se mi fido di Lui, sono un dono di Amore.

cur amoureux


Lascia un commento

Buona notte.

Mentre inscatolo i miei amati/odiati libri in vista del prossimo trasferimento, la mia attenzione cade su un libro con delle frasi di Pino Puglisi. Lo apro, ed il Signore mi fa dono di questa “buona notte”:

Da mihi animas, coetara tolle: dammi le anime, prenditi tutto il resto. Tutta la vita di san Giovanni Bosco si può raccogliere qui; qui è il segreto, la forza, la direzione della sua incommensurabile attività ed efficacia. Egli concepiva la sua vita come un apostolato senza confini e senza indugi per conquistare le anime.

Semplicemente grazie.

Immagine1


Lascia un commento

«Circolano dei facili slogans. Secondo uno di questi, ciò che oggi conta sarebbe solo l’ortoprassi, cioè il “comportarsi bene”, l’“amare il prossimo”. Sarebbe invece secondaria, se non alienante, la preoccupazione per l’ortodossia e, cioè, il “credere in modo giusto”, secondo il senso vero della Scrittura letta all’interno della Tradizione viva della Chiesa.

via Ortoprassi e ortodossia — il blog di Costanza Miriano


Lascia un commento

Colui che vuole onorare veramente la passione del Signore deve guardare con gli occhi del cuore Gesù Crocifisso, in modo da riconoscere nella sua carne la propria carne. Tremi la creatura di fronte al supplizio del suo Redentore. […] A nessuno, anche se debole e inerme, è negata la vittoria della croce, e non v’è uomo al quale non rechi soccorso la mediazione di Cristo. Se giovò a molti che infierivano contro di lui, quanto maggiore beneficio apporterà a coloro che a lui si rivolgono!

(Dai «Discorsi» di san Leone Magno, papa)

Jesus-on-the-Cross-John-3-16-


Lascia un commento

Carpe diem: ammazza il tempo!

In questo ultimo periodo della mia vita, spesso mi capita di riflettere su un modo di dire che ha a che vedere con quello che faccio durante la giornata:

ammazzare il tempo.

A maggior ragione in questi giorni di preparazione alla Santa Natività, mi rendo conto di un paio di cose (in ordine sparso):

  1. Il tempo non ha una connotazione neutrale o asettica, come spesso mi capita di pensare, ma è il “luogo”, l’ambiente in cui manifesto la mia moralità, il mio vivere, il mio modo di pensare il mondo e, di conseguenza, di relazionarmi con esso.
  2. Il migliorare le mie relazioni richiede tempo: il che significa che non è un automatico né immediato cambiare il mio modo di vedere me stesso ed il mondo che mi circonda. 

Per quanto mi riguarda, faccio esperienza di una verità: non sono io che ammazzo il tempo in qualche modo, quando non ho niente da fare, ma è il tempo che ammazza me quando non so o non voglio riempirlo in maniera costruttiva

In senso più profondo, nella mia vita questo succede a maggior ragione quando non permetto a Dio di abitare la mia esistenza, la mia quotidianità. Se il mio vivere è in Lui e per Lui oppure quando mi allontano, in un modo o in un altro, da Lui.

Ed ecco che riscopro il senso del Natale: Dio che si fa uomo abitando il tempo, la ferialità di ogni giorno, per farmi comprendere in maniera chiara ed univoca che il tempo ha un senso eterno. Perché è quando scelgo di amare che sto tracciando a fili d’oro la mia storia  tessendola di eternità.

Allora forse sono ancora  in tempo per costruire, a partire da ora, qualcosa che va al di là del tempo stesso.

Carpe diem…

Carpe-Diem1


Lascia un commento

L’umiltà di un Grande

Il demonio, dopo aver tentato un vano assalto contro Macario il Grande, gli dice:

Hai una grande forza, Macario; per questo non posso far nulla contro di te. Quello che fai tu, lo faccio anch’io: tu digiuni? io non mangio niente; tu vegli? io non dormo affatto. Vi è una sola cosa in cui mi vinci.

Quale?

gli domandò Macario.

La tua umiltà; per questo non ho alcun potere su di te.

(Detti, 11)

83