Ludwig

Heart speaks to heart


Lascia un commento

Futuro diabolico (in questo tempo di Quaresima)

«Tutte queste cose io ti darò se, gettandoti ai miei piedi, mi adorerai».

(Mt 4,9)

 

Ci sono momenti nella mia vita in cui mi ritrovo particolarmente proiettato su avvenimenti futuri: esami, tesi, incontri da preparare, cosa farò finito gli studi… e a volte tutto mi sembra così banale, così fuori luogo rispetto a quello che devo nei giorni che vivo.

I verbi coniugati al futuro sono spesso diabolici, perché rimandano a qualcosa che non esiste il tempo per amare qui ed ora, per ascoltare l’ “OGGI” della Parola che mi parla: il futuro umano, troppo umano, diventa ciò a cui gettarsi ai piedi ed adorarlo, fosse anche il futuro più evangelico di questo mondo.

 

Quale persona sarò nel futuro? Semplice! Quella che scelgo di vivere oggi e non una statua morta che mai ci sarà, perché OGGI il Signore mi chiama a vivere, ad amare, a spendermi per i miei fratelli per amor suo: è l’inanellare gli “OGGI” vissuti alla presenza dell’Amore di Dio che mi fanno sempre un po’ di più come Lui vuole, come a Lui piace.

 

«Ti darò […] mi adorerai»: non c’è niente che possa darmi in futuro, perché se lo facessi sarei dio e, di conseguenza, mi adorerei.

 

Dio solo dà OGGI, in questo momento: mi dona il suo unico Figlio ed il suo Spirito e, insieme ad essi, la libertà di scegliere, di accettarli o no.

 

Di accettarmi o no.

 

Di scegliere di amarLo o no.

 

Di scegliere di crescere giorno per giorno nel mio imparare ad amare chi mi sta intorno, oggi, oppure no.

 

La nostra paura per il futuro (che è mancanza di amore), ci porta a volte a pensare che quello che viviamo oggi sia inutile, superfluo, perso, doloroso, troppo grande per noi.

 

Ma questo non è l’OGGI di Dio.

Future-Past-Present

Annunci