Ludwig

Heart speaks to heart


Lascia un commento

Il mio Ulisse

«Dentro ciascuno di noi, dice il poeta, c’è un uomo che desidera andare.

Dove non importa.

L’importante è “andare”.

Ulisse, il giorno dopo la strage, si svegliò e vide accanto a sé Penelope che dormiva.

Come sono felice” pensò l’eroe.

I Proci sono morti e nella reggia regnava il più assoluto silenzio.

Poi andò nella stanza del figlio: anche Telemaco dormiva.

Come sono felice” pensò ancora una volta Ulisse.

Poi si recò al porto,

vide una nave

e disse ai marinai:

Si parte”».

L. De Crescenzo