Ludwig

Heart speaks to heart


Lascia un commento

Nota a margine di una giornata

L’altra sera ascoltavo la testimonianza di un missionario Comboniano che ha esordito più  o meno così:

Mentre annuncio Cristo alle persone, è Lui che cerco.

Effettivamente, a ripensarci è così anche per me: mentre confesso, accompagno, ascolto, predico… ho sempre un ritorno che è un di più.

Tante persone, tanti cuori, infinite storie una diversa dall’altra e tutte che cercano qualcosa. A volte pensiamo che la gente sia in cerca di cose come il benessere materiale, posizioni sociali e riconoscimenti pubblici, ma più profondamente cercano altro.

Il Comboniano continuava il suo racconto:

In una parte povera dell’Africa chiesi ad una ragazzina rimasta orfana e cresciuta con gli zii quale fosse il suo sogno. Rispose di getto: avere una macchina da cucire per poter essere indipendente e poter contribuire al sostentamento della famiglia.

Poi dopo un lungo silenzio che sembrava interminabile, a testa bassa aggiunse: non è vero, non voglio una macchina da cucire, ma mia mamma.

Ecco perché questa vignetta  è una pagina di Vangelo in un tempo in cui la parola amore è confusa in mezzo a mille cianfrusaglie esistenziali che non ci danno mai pace perché ci chiedono di sacrificare sul loro inutile altare il nostro tempo, la nostra vita.

Il nostro cuore.

Ma, in fondo in fondo, cosa cerco di più di un semplice, ma sconfinato gesto di Amore  che sa di eternità?

Dolcetto


9 commenti

Dentro una casetta

Oggi è la sera del 7 dicembre, primi vespri della festa di Maria Immacolata.

E forse è la sera giusta per mettere un po’ di ordine tra i miei pensieri, per quello che ho vissuto nei giorni in cui sono stato fuori.

Loreto e una casetta.

Ed un brivido lungo la schiena.

Ho avuto la fortuna di celebrare messa dentro quella casa e, preso alla sprovvista, mi chiedono di leggere le letture del giorno… e mentre leggo un pensiero si fa strada, quasi schiacciandomi e lasciandomi senza fiato.

Mentre sto là a proclamare la Parola di Dio penso che tra quelle mura la stessa Parola che proclamo si è fatta carne. Tra quelle stesse mura più di 2000 anni dopo il Signore mi chiama a “prestargli” la voce per far risuonare ancora una volta la sua Parole tra quelle pietre…

E questo pensiero è stato abbastanza “immediato”.

Poi, il giorno dopo, mi ritrovo a pensare ad un’altra “assurdità”: in quella stessa celebrazione due “Amen”. Il primo è quello di Maria: al suo “amen” il Verbo dimora in lei.

Dopo più di 2000 anni un altro “amen”… il mio al momento della Comunione. Ed il Verbo dimora in me.

E penso: “DIO E’ COMPLETAMENTE FOLLE…!!!”.

FOLLE!

Comunque è stato bello parlare alla nostra Mamma ed affidarvi a Lei.

Tutti.

Nessuno escluso.

Un saluto ed un augurio in particolare a tutti i miei amici degli Oratori salesiani nel giorno del compleanno del nostro Oratorio: che la nostra Mamma risplenda sempre nella vostra vita come stella che porta a Gesù.

Un abbraccio a tutti.

Luigi


Lascia un commento

Estate Salette 2006

Cari amici vicini e lontani,

con stasera ho chiuso l’esperienza estiva passata nel quartiere di S. Cristoforo a Catania: una bella avventura iniziata con poco entusiasmo, ma conclusa con tanta gioia. E’ in questi ambienti che si tocca con mano quello che dice la Scrittura: “dove ha abbondato il peccato ha sovrabbondato la grazia”.

Toccare la tanta miseria umana, materiale, culturale.

Le tensioni con certe persone in “odore di santità” (= mafia).

Il parlare in italiano e non essere capiti, anzi, fraintesi.

Tutto questo e molto altro in queste 5 settimane intense di lavoro, ma supportato da tante splendide persone: dagli animatori più piccoli alla prima esperienza di animazione, alle mamme di famiglia sempre presenti e pronte a dare il loro aiuto ed il loro tocco tutto particolare di “mamme”. Ma non mi dimentico dei papà e dei nonni onnipresenti e di sicuro affidamento.

Domani pomeriggio si riparte, pronti per una nuova avventura di tutt’altro respiro: le premesse per una esperienza quantomeno interessante ci sono tutte. Per il resto si vedrà…

Spero di potervi sentire e, chissà, magari rivedervi tutti quanto prima.

Buona notte a tutti e buona continuazione di estate.