Ludwig

Heart speaks to heart

Tra il dire e il fare

Lascia un commento

«E chi è il mio prossimo?».

(Lc 10,29)

Il famoso racconto del “Buon Samaritano” è stranoto, sentito e risentito tante di quelle volte che quasi quasi lo imparo a memoria.

Prima tentazione: siccome conosco già la pagina del Vangelo, già so cosa mi dice. Ma tra narrazione, la vita e il vivere il Vangelo c’è sempre qualcosa di nuovo e questo è dato dallo Spirito che vive in me, non dalla mia intelligenza o dal mio studio.

Il secondo appunto è che, in genere, risolto in maniera logica il quesito iniziale “E chi è il mio prossimo?”, rimanendo stupito della risposta di Gesù che ribalta la prospettiva di riflessione, mi ritengo contento e soddisfatto.

Sfugge, però, il punto nodale della questione.

Gesù non si intrattiene in una sterile disputa teologica, in una accademia destinata ad un’oscura pubblicazione per pochi eletti.

No.

Pone la discussione sul piano operativo: “Va’ e anche tu fa’ lo stesso” (Lc 10, 32).

La sazietà della ragione rischia di trasformarsi in pigrizia dell’amore e questa è l’altra grande tentazione.

Gesù mi invita a fare esperienza del diventare prossimo, per capirne fino in fondo il vero significato: Lui è il vero prossimo, tanto che mi ha caricato sull’asino della sua Croce e mi ha guarito con il suo sangue.

L’amore passa attraverso il verbo fare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...