Ludwig

Heart speaks to heart

Una strana equazione

4 commenti

In verità, in verità vi dico: se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la sua vita la perde e chi odia la sua vita in questo mondo la conserverà per la vita eterna. Se uno mi vuol servire mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servo. Se uno mi serve, il Padre lo onorerà.

Gv 12,24-26

 

…se invece muore, produce molto frutto.

Aggrapparsi alla propria vita significa rimanere solo, mentre chi relativizza la propria vita nel seguire Gesù vive e produce molto frutto.

È un passo breve, ma denso e profondo, che allarga gli orizzonti di una vita che vuol vivere seguendo Gesù.

Ho come l’impressione che l’equazione [vivere = morire : morire = vivere] tocchi la profondità del cuore umano in una dimensione camaleontica della vita del cuore: il nostro egoismo.

Se può sembrare evidente che le parole di Gesù tocchino il nostro egoismo in generale, forse lo è di meno se le consideriamo applicate ad un cuore che rimane ferito da qualche delusione che genera poi rabbia, risentimento, divisione, ostilità…

C’è un egoismo subdolo e pericoloso, che è l’egoismo del dolore: molti nostri cammini di guarigione, di perfezione (cioè di imparare a saper amare), sono ostacolati proprio dal dolore ricevuto e quindi dato.

Se, generalmente, non riusciamo a condividere le gioie più profonde o, quanto meno, ci viene difficile, quanto più impegnativo è condividere il proprio dolore con chi ci ha fatto del male, con il fine ultimo di voler ricercare l’unità, di voler ricucire un strappo, di voler sanare una ferita… ma dietro tutto questo c’è il verbo “volere”.

L’egoismo del dolore genera fantasmi e paure che ci fanno dubitare della promessa fatta da Gesù di essere “un sol corpo e un sol spirito”.

L’egoismo del dolore erige una prigione senza mura, nella quale ci auto-imprigioniamo pensando di essere liberi, solo perché non vediamo le mura del nostro carcere.

L’egoismo del dolore ci divide e ci rende ciechi, dimenticandoci quanto ci siamo amati: ci rende dei “giustizieri” dal grilletto facile. Ci rende (falsi) giusti ai nostri occhi.

Ci fa superiore agli altri.

Ci rende dei nani dell’amore completamente ottusi.

Ci rende tenebra nella luce di Dio.

Eppure Lui continua ad amarci, anche se lo insultiamo, anche se lo bastoniamo, anche se gli sputiamo in faccia e poi lo crocifiggiamo.

Ma nonostante questo continua ad amarci e a prendersi cura di noi, quando nemmeno noi sappiamo prenderci cura gli uni degli altri.

Saper condividere il proprio dolore con chi ci ha fatto del male, forse è l’unica strada per una vera guarigione in Cristo.

Lui che è la forza, l’unità, la pace e l’amore a tutti i costi, guidi i nostri cuori e i nostri passi sulla via della pace, che è il suo cuore.

Perché è nel suo cuore che siamo tutti una cosa sola.

580x700_1701

Annunci

4 thoughts on “Una strana equazione

  1. Solo un paio di cose:
    Il paragone col chicco di grano è improprio e forzatissimo. Solo se il "chicco" vive può dare molti frutti, se invece muore, muore e basta, forse se lo mangerà qualche uccello.
    Cosa vuol dire "condividere il proprio dolore con chi ci ha fatto del male"? Se io cercassi di condividere il mio dolore (qualsiasi cosa significhi) con la persona che mi ha fatto del male, questa chiamerebbe i Carabinieri. Se tutti avessero quello che si meritano, ciascuno ci penserebbe sopra due volte prima di fare del male.

    Mi piace

  2. colapesce, sei un po\’ arrabbiato vero? 

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...